Corona: le ultime decisioni federali e i loro effetti

Quali sono gli effetti della crisi? Quali modifiche comportano le decisioni del Consiglio federale e del Parlamento? MyRight fornisce la risposta.

Risposta dettagliata


Stato 26.05.2020
In una sentenza ampiamente rispettata, il Tribunale federale ha stabilito che il datore di lavoro deve pagare una quota dell'affitto dell'appartamento a un dipendente con obbligo di domiciliazione. Cosa significa questo per tutti coloro che lavorano in un ufficio a domicilio a causa della situazione attuale?

- A causa della situazione attuale, il mio datore di lavoro mi ha chiesto di lavorare da casa e di non venire in ufficio. Posso chiedere al mio datore di lavoro di pagare una parte dell'affitto?
In questo caso si tratta di una situazione eccezionale e non permanente. Il datore di lavoro è preoccupato per la tua salute e la Confederazione ti ha raccomandato di lavorare da casa ogni volta che è possibile. In questo caso, tuttavia, non si tratta esplicitamente di un obbligo di ufficio a domicilio di cui il datore di lavoro è responsabile. In linea di principio, in questo caso il datore di lavoro non è obbligato a pagare un indennizzo. La situazione è diversa se il tuo datore di lavoro non ti offre in permanenza un posto di lavoro adatto o non lo offre affatto e tu devi sistemarlo a casa tua per poter svolgere le tue mansioni aziendali. In questo caso, il tuo datore di lavoro è tenuto a rimborsarti l'infrastruttura di lavoro a casa necessaria per l'esecuzione del tuo lavoro. Il relativo risarcimento deve essere esaminato caso per caso.

- Quindi la decisione del Tribunale federale non si applica a tutti?
No, non tutti i dipendenti che lavorano da casa durante l'isolamento di Corona possono aspettarsi un compenso aggiuntivo. Se lavori da casa su tua richiesta, ma non sei esplicitamente obbligato a lavorare da casa, non puoi fare un reclamo. In questo caso, in azienda c'è un posto di lavoro disponibile per te in aggiunta al "Corona home office" e lavorerai solo temporaneamente da casa.

Stato 12.05.2020
- Le mie vacanze prenotate presso l'agenzia di viaggi sono annullate. Cosa devo fare?
In una sessione straordinaria del 6.5.2020, il Parlamento ha deciso che i rimborsi ai clienti devono essere effettuati solo dopo che le agenzie di viaggio o i tour operator hanno ricevuto le somme già pagate dalle compagnie aeree e dagli hotel. Quali conseguenze ha questa decisione per te e per il tuo viaggio previsto? Ti consigliamo di aspettare che il tour operator annulli il tuo viaggio in modo da poter richiedere il rimborso delle spese di viaggio già pagate. Non consigliamo di annullare il viaggio da solo. Ciò può comportare costi di cancellazione che ti saranno addebitati. Se il tour operator cancella il tuo viaggio, dovrai essere paziente con la decisione del Parlamento in merito al rimborso. L'agenzia di viaggi può ora attendere fino a ottobre di quest'anno prima di rimborsare le spese già pagate. Alcuni tour operator emettono dei voucher come alternativa al pagamento, che puoi riscattare in un viaggio successivo.