Nuovo tasso di riferimento – il canone di locazione si riduce automaticamente?

Se il tasso di riferimento diminuisce, puoi rivendicare una riduzione dell’affitto. Leggi qui di cosa devi tener conto e usa il modello di lettera.

Risposta dettagliata

Risposte sul tema della modifica del tasso di riferimento

Il tasso di riferimento è diminuito, ma il locatore non agisce? MyRight ha raccolto domande che riguardano il tuo diritto a una riduzione dell’affitto e la procedura da seguire per farlo valere. Inoltre, il modello di lettera ti aiuta nella presa di contatto con il locatore.

Il mio canone di locazione è invariato da cinque anni. Il locatore non dovrebbe ridurmi l'affitto visto che i tassi ipotecari negli ultimi anni sono diminuiti continuamente?

Non è tenuto a farlo di sua iniziativa. In genere fa testo il tasso di riferimento, salvo diversa pattuizione.

Ti suggeriamo quanto segue:

  • verifica il tuo contratto di locazione e il tasso di riferimento che vi è indicato e confronta quest’ultimo con quello attuale (situazione 3 marzo 2020: 1,25%). Se il tasso indicato al momento della conclusione del contratto o in occasione dell’ultima modifica del contratto dovesse essere più elevato rispetto a quello attuale, sei tu a dover prendere l’iniziativa. L’adeguamento del tasso è possibile solo tenendo conto del prossimo termine di disdetta possibile e nel rispetto del preavviso e di un’eventuale durata minima di locazione.
  • sottoponi la tua richiesta in forma scritta e per raccomandata (vedi modello di lettera qui sotto) per via dei termini da rispettare e per motivi probatori. Per sapere quanto sia elevata la riduzione dell’affitto che ti spetta, puoi consultare la tabella sul sito dell'Associazione degli inquilini. Tieni presente che il locatore può far valere il rincaro e investimenti a incremento del valore dell’immobile. Di conseguenza, l’importo della riduzione può risultare inferiore alla riduzione effettiva in base al tasso di riferimento attuale.
  • attendi la reazione del tuo locatore.
  • a seconda della reazione del locatore, telefona all’autorità di conciliazione entro un termine di 30 giorni. Ovviamente, puoi rivolgerti anche a MyRight. Contattaci prima della scadenza del termine di 30 giorni per discutere i prossimi passi da seguire.

Posso fare richiesta di riduzione del canone di locazione in qualsiasi momento?

Sì, puoi presentarla in qualsiasi momento. La tua richiesta di riduzione dell’affitto netto per il prossimo termine di disdetta possibile deve arrivare presso il locatore prima che decorra il termine di disdetta.

E se il locatore non accoglie la mia richiesta di riduzione?

Nel fare una richiesta di riduzione del canone di locazione è buona norma chiedere al locatore di prendere posizione in merito per iscritto. Il locatore deve contattarti entro 30 giorni. In caso di rifiuto della tua richiesta da parte del locatore senza motivo giustificato puoi presentare un'istanza per la riduzione presso l'autorità di conciliazione. Qualora il locatore non risponda neppure, entro 60 giorni dalla tua richiesta puoi presentare un'istanza per la riduzione.

Documenti importanti
Modello di lettera richiesta di riduzione del canone di locazione