Corona: le ultime decisioni federali e i loro effetti per le PMI

Quali sono gli effetti della crisi sulle PMI? Quali sono le modifiche per le PMI? MyRight fornisce la risposta.

Risposta dettagliata
Stato 09.06.2020 - A causa della crisi, devo introdurre il lavoro a orario ridotto per la mia azienda. Devo ridurre il carico di lavoro dei miei dipendenti al 50%. A quanto ammonta la quota di retribuzione del lavoro a tempo parziale? Con un reddito di 5000,-CHF di stipendio lordo, il dipendente riceve 2500,-CHF dal datore di lavoro per il 50% del carico di lavoro. Le ore di lavoro perse del 50% sono inoltre coperte dall'indennità di lavoro a tempo parziale all'80%, che corrisponde a CHF 2000. Ciò significa che il collaboratore riceve 4500,- CHF del suo salario. La SECO ha fornito ulteriori dettagli opuscoli e volantini su questo argomento. - Di quanto impegno ha bisogno la mia azienda per registrare un lavoro a tempo parziale? Alla luce della situazione attuale, sono state apportate alcune semplificazioni nella registrazione per il lavoro a orario ridotto, in modo che i datori di lavoro possano essere aiutati in modo rapido e semplice. 1. Il consenso dei lavoratori può essere ottenuto tramite il datore di lavoro, cioè se il datore di lavoro conferma che i lavoratori sono d'accordo, è sufficiente. 2. Il periodo di pre-notifica per il lavoro a tempo parziale è stato revocato per le pre-notifiche presentate entro la fine di maggio. La notifica preliminare deve comunque essere presentata all'ufficio cantonale competente. 3. La giustificazione del lavoro a orario ridotto può essere mantenuta più breve nella pre-notificazione, purché sia credibile. 4. La liquidazione dell'indennità per lavoro a tempo parziale è semplificata. È richiesto un solo modulo con cinque dettagli. 5. Le ore di lavoro straordinario esistenti non devono essere ridotte prima del pagamento di una compensazione per brevi periodi di tempo. - Non posso pagare il mio fornitore perché non ho fondi liquidi. Posso ottenere un credito ridotto dalla mia banca di casa per pagare il fornitore? Sì. La banca ha due opzioni Covid-19 o Covid-19 Plus. La Confederazione fornisce la garanzia per questi tipi di credito. Il prestito Covid-19 è fino a CHF 500'000.-, non ci sono tasse, il tasso d'interesse è dello 0,0% e ha una durata di cinque anni. Il contributo massimo dell'importo del credito è pari al 10% del fatturato dell'ultimo anno. Covid-19 Plus è disponibile per importi superiori da CHF 500'000.- a un massimo di CHF 19,5 milioni. La verifica e la richiesta di credito sono un po' più complesse. La Confederazione si assume l'85% del rischio, il restante 15% è a carico della banca. Ad eccezione dei tassi d'interesse, valgono le stesse condizioni. Il tasso di interesse è dello 0,5% per la garanzia bancaria, per il 15% la banca fissa il tasso di interesse. I moduli per la richiesta di un prestito Covid-19 o Covid-19 Plus e ulteriori informazioni sui prestiti sono disponibili sul sito web del Dipartimento federale delle finanze all'indirizzo Prestiti ponte per aziende. - Il mio padrone di casa vuole disdire la mia attività perché non posso pagare l'affitto. Gli è permesso farlo? Il Consiglio federale ha deciso che la disdetta è consentita solo dopo 90 giorni e non dopo 30 giorni come in precedenza. Tuttavia, ciò vale solo se l'affitto e le spese accessorie sono dovuti tra il 13 marzo e il 31 maggio e siete in ritardo a causa di misure ordinate dalle autorità. - Il mio dipendente si rifiuta di venire al lavoro perché ha paura dell'infezione da coronavirus. Non appartiene a un gruppo a rischio ed è single. Può esigere da me l'ufficio a domicilio se posso garantire le norme igieniche e di distanza dell'UFSP in ufficio? Non vi è alcun obbligo legale di consentire ai dipendenti di avere un ufficio a domicilio. Se è possibile svolgere bene le attività dal vostro ufficio di casa, dovreste adempiere al vostro dovere di diligenza come datore di lavoro e incoraggiare i vostri dipendenti a lavorare da casa.