Cambio di cassa pensione – a quali aspetti devi prestare attenzione?

Vorresti cambiare la cassa pensione della tua azienda? MyRight ti spiega che cosa devi sapere a riguardo

Risposta dettagliata

Quali sono i tuoi obblighi come datore di lavoro per quanto riguarda la previdenza professionale?

In veste di datore di lavoro sei responsabile affinché i tuoi collaboratori siano assicurati correttamente nella previdenza professionale. In Svizzera tutti i lavoratori dipendenti con un salario annuo soggetto all’AVS che eccede il salario minimo secondo la LPP devono essere infatti affiliati a una cassa pensione. 

Quali motivi depongono a favore di un cambio di cassa pensione?

Oltre all’aspetto della sicurezza, esistono vari motivi che possono indurti a prendere in considerazione un cambio di cassa pensione. Ad esempio, possono sussistere differenze notevoli in termini non solo di premi o piani di previdenza, ma anche di aliquota di conversione o prestazioni supplementari. 

Quali aspetti sono nuovi e cosa devi considerare in caso di cambio della cassa pensione?

A seguito della sentenza del Tribunale federale del 5 maggio 2020 è stato acclarato a livello di massima istanza che in caso di cambio della previdenza professionale i dipendenti esercitano un diritto di codecisione di rilevanza centrale e che il mancato rispetto di tale diritto inficia la validità del passaggio da una cassa all’altra. Qualora dovessi valutare l’opportunità di un cambio di cassa pensione per la tua azienda, è importante informare il prima possibile a riguardo i tuoi collaboratori e/o la rappresentanza dei dipendenti, coinvolgendoli nel processo decisionale. In passato, ovvero prima della sentenza del Tribunale federale, il processo decisionale non era univoco: i dipendenti apprendevano del passaggio a una nuova cassa pensione perlopiù solo durante il termine di preavviso, con la possibilità soltanto allora di sollevare obiezione contro la disdetta. 
Secondo il parere del Tribunale federale, tale procedura non è più conforme ai requisiti della legge. Il diritto di partecipazione conferisce infatti ai tuoi dipendenti non solo il diritto di informazione o di consultazione, ma anche quello di codecisione (art. 11. cpv. 3 fino al periodo 1 LPP e art. 10d della Legge sulla partecipazione). 

Il cambio della cassa pensione costituisce una decisione comune di dipendenti e datore di lavoro. Cosa devi sapere a riguardo?

Il cambio della cassa pensione è quindi una decisione assunta congiuntamente da dipendenti e datore di lavoro. Il processo decisionale deve essere aperto e trasparente per tutti i tuoi collaboratori: deve cioè risultare chiaro quali soluzioni previdenziali sono prese in considerazione e a quali condizioni deve essere stipulato un contratto con una nuova cassa pensione. In veste di datore di lavoro, hai inoltre il dovere di documentare la procedura e le modalità di attuazione di un previsto cambio di cassa pensione. Ciò significa ad esempio che deve risultare chiaro il modo in cui viene espresso il consenso da parte del personale (ad es. attraverso una rappresentanza dei dipendenti) e con quale maggioranza l’approvazione del personale acquisisce validità.  Questo iter viene verificato attentamente dalla cassa precedente. Qualora non sia possibile raggiungere un accordo consensuale in merito alla disdetta, ai sensi di legge la decisione compete a un tribunale arbitrale neutrale.

Conclusione

I tuoi dipendenti devono approvare preventivamente un cambio di cassa pensione in modo attivo, altrimenti la disdetta risulta priva di validità. Da un lato ciò significa che in futuro le operazioni di cambio avranno maggiore complessità e tempistiche dilatate, ma dall’altro poggeranno su solide basi grazie al coinvolgimento diretto del personale.