Consulenza legale sicura per privati a metĂ  prezzo con il codice voucher "MYRIGHT50".

Contestare l'assegnazione dell'istituto scolastico

Posso oppormi all'assegnazione dell'asilo o della scuola?

Risposta dettagliata

Ogni anno il Cantone scrive a migliaia di bambini e ai loro genitori per informarli su quale asilo o scuola frequenteranno. Non sempre i genitori sono d'accordo con l'istituto scolastico loro assegnato. Ti illustriamo la situazione giuridica e come puoi procedere contro la decisione circa la scuola assegnatavi. 

 

Non sono d'accordo con l'asilo o la scuola assegnata a mia figlia. Come posso oppormi?

Se ci sono più scuole o asili ai quali tua figlia potrebbe essere assegnata e la distanza è sempre accettabile, non hai nessun diritto generale di consultazione ovvero non puoi pretendere che la bambina venga assegnata a un determinato asilo o a una determinata scuola. 
Se per esempio vuoi che tua figlia frequenti la stessa scuola degli altri bambini del quartiere, dopo l'assegnazione puoi rivolgerti all'ufficio competente e chiedere un eventuale spostamento. Tuttavia, senza motivi validi (tragitto casa scuola inaccettabile) non hai nessun diritto legale a un trasferimento. 


Non credo che mio figlio sia in grado di percorrere da solo la strada per la scuola. Come posso oppormi?

In linea di massima l'ente pubblico, ossia l'ufficio responsabile dell'istruzione e degli istituti scolastici, verifica che il tragitto casa-scuola sia ragionevolmente esigibile. In caso contrario puoi fare ricorso presso l'ufficio reclami competente e contestare l'assegnazione della scuola o dell'asilo. Questo ufficio di solito è indicato alla voce ricorso contestualmente alla comunicazione dell'istituto. Anche la decisione dell'ufficio reclami può essere impugnata, all'occorrenza anche davanti al Tribunale amministrativo cantonale e, per ultimo, al Tribunale federale. 


Quando il percorso da e verso la scuola non è considerato accettabile?

La giurisprudenza non è unanime su cosa sia considerato accettabile e quando invece si configura l'inaccettabilità. Le singole sentenze in materia di valutazione dell'accettabilità sono contraddittorie. Sorprende il fatto che i tribunali spesso si aspettino più dai bambini che gli stessi esperti. Sebbene non esistano delle basi di carattere generale vincolante si notano comunque determinate tendenze e requisiti rilevanti in materia di valutazione dell'accettabilità.  I criteri adottati sono i seguenti: 

  • la lunghezza del percorso casa-scuola 
  • il dislivello o la topografia
  • la pericolosità del tragitto 
  • lo stadio di sviluppo del bambino e le sue condizioni di salute

È ormai prassi consolidata ritenere accettabili tragitti fino a 30 minuti da percorrere al massimo quattro volte al giorno. L'importante è che venga garantita una pausa pranzo di almeno 45 minuti; se però il tempo disponibile è meno di 30 minuti le autorità scolastiche devono offrire il trasporto scolastico o un servizio mensa e assistenza durante l'orario del pranzo. Pertanto un percorso casa-scuola di 1,5 km di norma è considerato accettabile. Per quanto riguarda i bambini della scuola dell'infanzia, invece, il percorso deve essere inferiore.
Nella giurisprudenza si è inoltre affermato il principio secondo il quale è generalmente accettabile anche per i bambini dell'asilo attraversare sulle strisce pedonali strade poco trafficate. Trovarsi ad affrontare situazioni di basso pericolo contribuisce anzi ad apprendere come comportarsi nella circolazione e vanno accettate. 
Se ritieni che il percorso casa-scuola di tuo figlio non sia accettabile dovresti assolutamente farlo verificare dato che a essere determinante è il caso specifico.

 

Il percorso va considerato inaccettabile. Mio figlio può passare a un'altra scuola?

Ai sensi della Costituzione federale la scuola elementare dev'essere gratuita. Questa disposizione presuppone il diritto a un percorso casa-scuola accettabile. Il tragitto e la sua accettabilità sono pertanto di competenza del diritto pubblico.
Se il percorso casa-scuola non è accettabile le autorità scolastiche (Cantone o comune) devono garantire che i bambini che frequentano la scuola dell'obbligo vengano accompagnati a scuola in modo sicuro, affidabile e puntuale. Le autorità scolastiche dispongono di diverse misure per strutturare il percorso casa-scuola in modo accettabile. Ad esempio:  

  • trasporto con i mezzi pubblici
  • organizzazione di un trasporto scolastico
  • misure edilizie
  • servizio di pattugliamento
  • pranzo a scuola 

I genitori possono chiedere il trasferimento a un'altra scuola mentre le misure più idonee spettano alle autorità scolastiche.